Don Milani un ribelle obbediente.

Cogliamo l’occasione della lettera al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano scirtta dai “ragazzi” oggi nonni di Barbiana, per ricordare ai nostri lettori la figura di Don Lorenzo Milani, un prete fiornetino che tra il 1954 e 1967 anno della sua morte diede vita, nella piccola comunità di Barbiana, sperduto paesino di montagna nel Mugello, ad un progetto educativo molto innovativo espressamente rivolto alle classi popolari.
Opera fondamentale della scuola di Barbiana è  il libro “Lettera a una professoressa” del 1967, in cui i ragazzi della scuola, insieme a Don Milani, denunciavano il sistema scolastico ed il metodo didattico che favoriva l’istruzione delle classi più ricche (i cosiddetti “Pierini”) lasciando la piaga dell’analfabetismo su gran parte del paese. 
Fu Don Milani ad adottare il motto “I care”, letteralmente “m’importa, ho a cuore” (in dichiarata contrapposizione al “Me ne frego” fascista), motto che inseguito è stato adottato da numerose organizzazioni religiose e politiche. Questa frase scritta su un cartello all’ingresso riassumeva le finalità educative di una scuola orientata alla presa di coscienza civile e sociale.   Altre esperienze di scuole popolari sono nate nel corso degli anni basandosi sull’esperienza di Don Lorenzo e sulla “Lettera a una professoressa”.
Oggi,  Don Milani è salito alla ribalta della scena italiana e sia l’uomo che il suo lavoro, dopo anni di silenzio, sono stati ampiamente rivalutati.
Il programma della RAI “La storia siamo noi” ha dedicato recentemente una serie di puntate a questo personaggio intitolandole “Don Milani un ribelle obbediente” con un interessante ricostruzione della vita del sacerdote che vi invitiamo ad ascoltare. Contemporaneamente è andato in onda un film con Sergio Castellitto prodotto per la TV in due parti di 100′ l’una.

Uso della lingua

Pierini: in italiano con questa parola si intendono i “primi della classe” magari anche un po’ secchioni (nerds).
Salire ala ribalta: è un’espressione del mondo dello spettacolo che significa “andare in scena” ovvero “diventare celebre”

Leave a Reply