In Italia gli stipendi più bassi d’Europa

I lavoratori italiani sono tra i meno pagati d’Europa. Meno degli spagnoli, ciprioti e irlandesi, che pure non se la passano meglio di noi. E la metà di tedeschi e olandesi. Una situazione che pesa sempre di più sulle famiglie..
Ulteriore conferma è arrivata ieri da Eurostat, l’agenzia di statistica dell’Unione Europea. Secondo i dati del 2009 dell’Eurostat lo stipendio medio dei lavoratori italiani è al dodicesimo posto nella calssifica dell’area euro, nonostante il nostro paese sia ancora (ma per quanto?) la terza “potenza” industriale del Vecchio Continente.
Per dare un esempio, in Italia, il valore dello stipendio annuo è pari a 23.406 euro, ovvero la metà di quanto si guadagna in Lussemburgo (48.914), Olanda (44.412) o Germania (41.100). Ma meglio di noi fanno anche, paesi in cui la crisi ha colpito molto duramente come Irlanda, Spagna, Cipro e persino la bistrattata Grecia.
E se il  gap tra retribuzione femminile e maschile risulta in Italia  poco superiore al 5% , rispetto al 17% della media degli altri paesi, non va vista come una buona notizia, ma solo come la conseguenza preoccupante del  basso tasso di occupazione femminile rispetto agli altri paesi europei.
Come conseguenza di questo fenomeno il nostro paese attira sempre meno manodopera qualificata e sempre piu’ stranieri con un basso livello di istruzione, e diventa invece piu’ frequente il caso di giovani che decidono di andare a lavorare in altri paesi della comunita’ europea.

Uso della lingua

passarsela: significa vivere (meglio/bene/male).
bistrattata: trattata male

Leave a Reply