Una ricerca ricostruisce le migrazioni interne in Italia grazie ai cognomi

Una emblematica installazione costituita da una serie
di valigie alle Ogr di Torino per la mostra ”Fare gli italiani”


L’articolo descrive una ricerca condotta da un gruppo di ricercatori italiani che hanno ricreato, seguendo i cognomi degli italiani, gli spostamenti di un immaginario signor Pinco Pallino. “Più che desta, l’Italia si è mossa. A parte le ricorrenti calate, invasioni e occupazioni dall’estero subite da un popolo abituato a essere, come diceva Voltaire, «il premio del vincitore», da secoli gli italiani si spostano su e giù per uno stivale di varia gradevolezza ma sempre affollato. Adesso una ricerca scientifica ricostruisce cinque secoli di migrazioni interne grazie a un’incredibile ricerca sui cognomi.”
  La ricerca è  stata condotta attraverso l’analisi dei cognomi presenti nei registri delle nascite  che le parrocchie italiane dal Concilio di Trento (nel XVI ) in poi, secolo, sono state obbligate a tenere. Confrontando i cognomi diffusi cinque secoli fa con quella del 1997 hanno potuto verificare, come spiega Manni, uno dei ricercatori, che  «se il cognome Pallino viene, per esempio, da Trento,  quanti Pallino vivono ancora a Trento e quanti se ne sono andati, e dove». Si sono potute dividere le provincie italiane in quattro grandi gruppi.
“Il primo è quello delle province «non attrattive», quelle, cioè, da cui è emigrata più gente e ce n’è immigrata meno. Dall’altro lato della scala ci sono le province più attrattive da cui nessuno si muove ma cui tutti muovono. In testa, come prevedibile, le tre grandi città: Roma, Milano e Torino.
 Le altre due categorie di province sono le isolate e i «corridoi». Le isolate sono quelle in cui nessuno si trasferisce ma da cui nessuno se ne va. I «corridoi», invece, sono le province «di passaggio», quelle da cui molti sono partiti ma in cui molti sono andati. Sono soprattutto in zona tirrenica, fra Liguria, Toscana e Lazio.”La Stampa

Note culturali

Pinco Pallino: un nome inventato che indica una persona qualunque. (Mr Whatnot.)
desta: e’ un gioco di parole che fa riferimento all’inno nazionale (National anthem) italiano le cui parole dicono: “Fratelli d’Italia  / L’Italia s’è desta, / Dell’elmo di Scipio / S’è cinta la testa.”
La parola desta significa svegliata.
Stivale: è una comune figura retorica. Si usa  un attibuto, la forma di stivale dell’Italia per riferirsi all’Italia stessa.

 

Leave a Reply