Montalbano non morirà

camilleriIn attesa dei risultati delle elezioni amministrative, e in attesa dell’estate che quest’anno si fa desiderare, consigliamo un paio di libri usciti da poco. Innanzitutto il romanzo n. 100 di Andrea Camilleri, L’altro capo del filo (Sellerio). C’è sempre il commissario Montalbano, questa volta alle prese con il problema dei migranti e con l’assassinio di una sarta, Elena, che lavora nella sartoria più rinomata del paese. In un’intervista rilasciata alla Stampa a Bruno Ventavoli, Camilleri dice, a proposito dei migranti. «Tre anni fa fui ospite di un asilo romano, composto per metà da bambini italiani e l’altra metà da non italiani, di 18 paesi diversi. Giocavano insieme, ridevano, litigavano, si menavano. Ma alla fine dividevano le merendine. L’Europa deve capire che bisogna dividere le merendine. I muri sono sciocchi e inutili». La Stampa.

 

pareschiL’altro libro che consigliamo è I jeans di Bruce Sprinsteen (Giunti), della brava traduttrice Silvia Pareschi. E’ una raccolta di racconti/saggi che ci mostrano la visione dell’America di un’italiana che risiede parte dell’anno a San Francisco. “Il minimo comune denominatore che lega queste dieci storie è un tormento interiore nei confronti di un paese che continua ad amare che tuttavia smentisce spesso la propria promessa di libertà. Lo sguardo predilige l’ironia sulla malinconia sia che si parli di religione sia che si racconti il “palazzo del porno” di San Francisco, un edificio in cui si producono film a luci rosse.” dice Antonio Monda, recensendo il volume sulla Repubblica.

Leave a Reply