L’abito fa il monaco?

Arriva per tutti e per tutte il momento in cui ci si guarda allo specchio e non ci si sente più esattamente a proprio agio con T-shirt e scarpe da ginnastica? A un certo punto capita anche ai più agguerriti nemici della camicia e delle scarpe comode a tutti i costi. Che sia un matrimonio, la laurea o il primo colloquio di lavoro, un armadio zeppo di felpe e jeans dovrebbe essere etichettato se non inadeguato, almeno insufficiente.

La moda è uno degli indicatori più interessanti per studiare i cambiamenti della società democratiche e contemporanee. È ambivalente, perché da una parte sottolinea i confini, dall’altra li sposta di continuo. E così provoca il cambiamento. Si segue per distinguersi, ma è un’originalità sempre mediata dalla volontà di restare in un gruppo riconoscibile. «Un esempio semplice di cambiamento è l’identità di genere. I reparti uomo e donna sono ancora separati, ma la moda unisex sottolinea la progressiva fine dei confini tra i ruoli – spiega Gaia Peruzzi, professore in Sociologia dei processi culturali alla Sapienza di Roma -. I professori universitari si presentavano a lezione solo in giacca e cravatta, oggi non è più così. … Nadia Ferrigo, La Stampa.

Esercizi

Il titolo e l’immagine non appartengono all’articolo. Analizzate il titolo e cercate di spiegarlo; poi analizzate l’immagine e rispondete a queste domande: secondo voi questa foto in che paese è stata scattata? Quali dettagli ci possono aiutare a identificarlo?

 

Leave a Reply