Fake news e il futuro che è tutto da scrivere: a Robinson le interviste le fanno i ragazzi

RobisnonOggi c’è una “offerta informativa infinita” e non esiste più la contrapposizione di dieci anni fa tra carta e web, “perché oggi il punto è avere una propria cifra e identità giornalistica, poi ognuno sceglie il mezzo che preferisce”. Sono gli studenti delle scuole superiori di Milano a chiedere al direttore di Repubblica Mario Calabresi cosa vuol dire per un giornale navigare nel mare della comunicazione che, per loro, vuol dire (quasi) soltanto Facebook.
…..I ragazzi, che la nostra lingua la masticano e rinnovano ogni giorno: con ‘Twittando e postando un mondo di parole nuove’ sono loro a giudicare quali sono i nuovi termini da considerare parte integrante del vocabolario. ‘Cuorare‘ sì, ‘Scialla‘ no, è sorpassato. Perché anche in questo campo vale una regola base: le parole che per i vecchi sono nuove, sono già vecchie per i giovani. E quindi attenzione a usarle pensando di intercettare il loro mondo: si rischia di essere ancora più sorpassati. La neolingua dei social, del resto, è la loro, con buona pace della Crusca e dei ‘grammar nazi’ come Vera Gheno, con la sua carrellata di strafalcioni pescati in Rete e di parole derivate – come spoilerare – che possono segnare la distanza abissale tra chi usa i social e chi no.

Per leggere l’articolo clicca qui: LaRepubblica Robinson

Note linguistiche

Twittando e postando: sono neologismi legati alle interazioni su Internet come anche linkare, taggare, bloggare, bannare, flaggare, chattare ecc..
cuorare:  viene dal linguaggio di Facebook  e si usa per dire “aggiungere o mandare cuoricini”.

Altri esempi sono:
piacciaremettere un Mi piace a foto, post, commenti, pagine di Facebook ecc
amicare / amicarsi – diventare amico su Facebook: non l’ho amicato; ci amichiamo?
favvaremettere tra i preferiti (favorites): te l’ho favvato anch’io .
pinnare – condividere immagini o video in Pinterest “appuntandoli” (pin) in bacheche.
scialla: in dialetto giovanile romano significa “sta tranquillo” “lascia perdere”. Secondo la Treccani scialla e tutte le sue  varianti del gergo giovanile qui e là per l’Italia (vedi sciallato ‘rilassato’,scialloso ‘divertente’, sciallo ‘divertimento’ nel Nord Italia; R. Ambrogio-G. Casalegno,  sia potuto derivare dall’ inshallah,  islamico che dunque, scialla (rinvenuto anche nella forma shalla, in scritte murali o nei chiacchiericci digitati in rete) e inshallah, per dire: sta’ tranquillo, se Dio lo vorrà tutto andrà bene.
Vera Gheno: è una sociolinguista specializzata nel linguaggio dei media. Per saperne di più clicca qui:https://linguaenauti.com/tag/vera-gheno/

 

 

 

Leicester, Ranieri esonerato: Re Claudio paga la crisi

Cari lettori abbiamo il piacere di comunicarvi che da quest’anno, grazie alla collaborazione di Justin D. Evans, insegnante di italiano a Boston e patito di sport, Italian News Clicks comincerà finalmente a coprire anche la stampa sportiva.
Grazie Justin!

Inter Milan's coach Claudio Ranieri gives a press conference on December 6, 2011 at the Moratti Center in Appiano Gentile on the eve a Champions League football match against CSKA Moscow. AFP PHOTO / OLIVIER MORIN (Photo credit should read OLIVIER MORIN/AFP/Getty Images)

(Photo credit should read OLIVIER MORIN/AFP/Getty Images)

La favola del Leicester è già finita. Questa sera, la dirigenza delle Foxes ha deciso a sorpresa l’esonero di Claudio Ranieri, il tecnico protagonista della fantastica cavalcata della scorsa stagione in cui ha condotto una squadra di provincia alla vittoria della Premier per la prima volta nella sua storia. Tutto ciò non è bastato a salvare quello che fino a pochi mesi fa era soprannominato in Inghilterra come “Re Claudio”: il tecnico italiano paga per tutti i risultati negativi degli ultimi mesi in Premier, dove la squadra è stata risucchiata nella lotta per non retrocedere in Championship, e l’eliminazione dalla FA Cup. “Questa sera il Leicester City Football Club ha sciolto il rapporto con il suo allenatore della prima squadra Claudio Ranieri”. Il comunicato delle Foxes arriva nel cuore della serata, poco prima delle 21, e conferma le primissime indiscrezioni rilanciate dalla stampa britannica. In una lunga nota, la società ripercorre la storia di Ranieri alla guida della squadra: “Claudio è stato chiamato ad essere il manager del Leicester nel luglio 2015 – si legge nel comunicato -, e ha portato le Foxes a raggiungere il più grande trionfo nei 133 anni di storia del club quando la scorsa stagione siamo stati incoronati, per la prima volta, campioni d’Inghilterra. Il profilo di Claudio Ranieri è senza dubbio quello del tecnico di maggior successo di tutti i tempi del Leicester. Tuttavia, i risultati raccolti quest’anno nella stagione in corso hanno posto il club campione di Premier in una situazione di pericolo, e per questo motivo il Consiglio a malincuore ha ritenuto che un cambio della guida tecnica, che sicuramente è doloroso, sia necessario per il più alto interesse del club”. Per saperne di più clicca qui: Gazzetta.it

Ecco la vera identità di Elena Ferrante

comedie-du-livre-col-u202544327848omc-835x437ilsole24ore-web

Il segreto di Pulcinella

Svelato il mistero sull’identità di Elena Ferrante, la scrittrice napoletana più letta dei nostri giorni. Per venticinque anni l’autrice della tetralogia de L’amica geniale si è celata dietro allo pseudonimo  di Elena Ferrante.

Un’inchiesta condotta da Il Sole 24 Ore e pubblicata il 2 ottobre anche dal quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung, dal sito di giornalismo investigativo francese Mediapart e da quello della rivista americana The New York Review of Books, fa ora emergere evidenze “documentali” che danno un contributo senza precedenti all’opera d’identificazione della misteriosa scrittrice.

Di lei, dunque, non sono mai state pubblicate foto. Né è mai stato stabilito chi sia veramente. Come riporta la quarta di copertina di ogni suo libro, si sa solo che «è nata a Napoli». Allo stesso tempo Ferrante ha saputo parlare molto di sé, concedendo innumerevoli interviste mediate dalla casa editrice e scrivendo un volume sedicentemente autobiografico, La Frantumaglia.

Anziché su un’immaginaria figlia di una sarta napoletana, come si presenta l’autrice in La Frantumaglia, le prove da noi raccolte puntano il dito su Anita Raja, traduttrice residente a Roma la cui madre era un’ebrea di origine polacca prima sfuggita all’Olocausto e poi trasferitasi a Napoli.

Ma in La Frantumaglia, Ferrante aveva avvertito i lettori. Non una, bensì due volte. «Io non odio affatto le bugie, nella vita le trovo salutari e vi ricorro quando capita per schermare la mia persona», aveva scritto. E, poco più avanti, aveva aggiunto: «Italo Calvino nel 1964 scriveva a una studiosa che chiedeva informazioni personali: “Mi chieda pure quel che vuol sapere e glielo dirò. Ma non le dirò mai la verità. Di questo può star sicura”. Questo passo mi è sempre piaciuto e almeno parzialmente l’ho fatto mio».
Per leggere tutto l’articolo cliccate qui : IlSole24Ore.

Note culturali

Elena Ferrante: è uno pseudonimo ispirato probabilmente alla famosa scrittrice Elsa Morante
I
 suoi primi romanzi sono: L’amore molesto, edito nel  1992,  I giorni dell’abbandono, del 2002 e la figlia oscura, da cui nel  2007 da cui la scrittrice ha tratto spunto per il racconto per bambini La spiaggia di notte. Dal 2012 al 2014 escono i quattro volumi della tetralogia L’amica geniale che la rendono famosa nel mondo.

La tetralogia: L’amica geniale, Roma, E/O, 2011.Storia del nuovo cognome. L’amica geniale volume secondo, Roma, E/O, 2012.  Storia di chi fugge e di chi resta. L’amica geniale volume terzo, Roma, E/O, 2013. Storia della bambina perduta. L’amica geniale volume quarto, Roma, E/O, 2014.

Il segreto di Pulcinella: il personaggio che appare nell’immagine si chiama Pulcinella. È un personaggio della Commedia dell”Arte la cui caratteristica principale è di parlare troppo e di non sapere tenere un segreto. L’espressione è “un segreto di Pulcinella” in italiano che è un segreto che ormai sanno tutti.

 

Van Gogh e la camorra

savianoQualche giorno fa due dipinti di Van Gogh, trafugati ad Amsterdam 14 anni fa, sono stati trovati in un casolare di Castellammare di Stabia di proprietà del boss del narcotraffico Raffaele Imperiale. Ecco quel che ne dice Roberto Saviano, in un’intervista sulla Stampa:

Perché la camorra investe nelle opere d’arte?

“Perché una tela di Caravaggio lascia meno tracce di una montagna di denaro. Si sposta più facilmente ed è un investimento relativamente sicuro. … Camorristi, evasori, criminali comuni investono in arte. Probabilmente oggi è questo il principale canale di riciclaggio di capitali di provenienza illecita. Ma va detto che le opere d’arte di Van Gogh o di Caravaggio possono finire solamente sul mercato clandestino. Ecco perché, paradossalmente, oggi un furto di questo tipo ha un valore minore rispetto a quello che è l’investimento reale”.

Chi è Raffaele Imperiale?

“In questo momento è il camorrista numero uno al mondo. Non esiste altro capo con il suo profilo”. La Stampa.

Note culturali

Roberto Saviano è l’autore di Gomorra, romanzo-reportage sulla camorra, la mafia a Napoli. Nel libro, uscito nel 2006, Saviano coraggiosamente denuncia i clan mafiosi della sua città. In seguito a ripetute minacce di morte, ora lo scrittore vive sotto programma di protezione.

Repubblica e il mondo che vogliamo raccontare

calabresi

Mario Calabresi, nuovo Direttore di Repubblica, (sinistra) e Ezio Mauro Direttore dal 1996 a oggi.

Il neo Direttore  Mario Calabresi nel suo primo editoriale su Repubblica annuncia la nuova filosofia del giornale. Abbiamo scelto due passaggi che la illustrano con efficacia.

Un giornale come Repubblica deve avere ogni giorno l’ambizione di camminare accanto al suo lettore per aiutarlo a distinguere i segnali più importanti nel rumore di fondo in cui viviamo immersi e di offrire contesti che permettano di leggere con chiarezza gli eventi quotidiani. Nel caos informativo di oggi come nell’Italia sbandante di quel primo giornale di quarant’anni fa non abbiamo bisogno di aggiungere (emozioni, toni apocalittici, indignazione gratuita) ma di selezionare, di offrire a voi lettori ciò che è portatore di senso e stimola la vostra intelligenza e non la vostra pancia, perché alla fine, come diceva Montaigne, “è meglio una testa ben fatta di una testa ben piena”.

Così se dobbiamo indignarci per i dipendenti pubblici assenteisti, infedeli o corrotti abbiamo anche il dovere di sapere che accanto a loro ci sono migliaia di persone che tengono in piedi le Istituzioni con passione e onestà. Dobbiamo sapere che è pieno di sindaci che si alzano all’alba e provano a cambiare le cose e la sera a casa immaginano un futuro per il loro Comune. Parliamo della scuola allo sfascio ma non rendiamo sufficiente onore alla maggioranza degli insegnanti che in questi anni ha trovato il modo di tenere in vita l’istruzione italiana, con creatività, talento e coraggio.
Per non cadere nella disperazione abbiamo bisogno di denuncia ma anche di soluzioni, di alternative che permettano di sperare e di continuare a vivere
Repubblica

I 40 anni di Repubblica, tra storia e futuro

repubblica

Ezio Mauro ed Eugenio Scalfari consegnano la prima copia di Repubblica al Presidente Mattarella

Quarant’anni di idee. Di inchieste, di reportage, di cronaca. Di volti, storie, tendenze. Un racconto realizzato giorno dopo giorno. Restando sempre fedeli a ideali e a ispirazioni di fondo. Quelli che si condensano nel nome “Repubblica”. E nella sala Santa Cecilia dell’Auditorium di Roma è proprio questo che lega gli interventi di Eugenio Scalfari, Ezio Mauro, Mario Calabresi e del presidente del gruppo l’Espresso, Carlo De Benedetti. Presente e futuro di Repubblica coniugati insieme in una sera in cui a essere festeggiati sono soprattutto i lettori: la community legata al nostro giornale.  ..Tradizione, democrazia e innovazione. Queste per De Benedetti le direttrici su cui si muove Repubblica: “Calabresi sarà portare il nostro giornale avanti senza rinnegare il nostro dna: l’indipendenza da ogni potere, la difesa dei principi di giustizia sociale, dell’equità. Gaetano Salvemini auspicava un paese libero con un po’ più di libertà per tutti. Repubblica saprà affrontare il futuro: su internet abbiamo un primato indiscusso. Con la Repubblica delle Idee abbiamo dimostrato di essere capaci di apertura. Calabresi saprà proseguire su questa strada”.  Repubblica

Informazioni culturali

Eugenio Scalfari: co-fondatore e Direttore del quotidiano La Repubblica dal 1976 al 1996.

Ezio Mauro: Direttore della Repubblica dal 1996 al 2016

Mario Calabresi: nuovo direttore della Repubblica

“Lettere al direttore”

Scrivere lettere ai giornali è una consuetudine che continua a essere vitale e importante, nonostante i social network. Almeno in Italia.
 
Caro Direttore,
credo che gli italiani ricorrano sempre più spesso alle lettere ai quotidiani per comunicare le proprie ansie, le proprie inquietudini, le proprie lamentele o proteste.
E’ noto che noi italiani siamo propensi al «lagno» e credo che questo fenomeno si sia molto intensificato con la crisi.
Sentiamo più che mai il bisogno di esprimere le nostre incertezze (o certezze), i nostri dubbi e le redazioni dei giornali funzionano come «terapia di gruppo»: una sorta di «lettino dell’analista» sul quale cercare intime catarsi a intimi grovigli. …
Mentre i cosiddetti social network diventano sempre più raccolte indifferenziate di rifiuti non riciclabili, sulle rubriche delle lettere ai giornali si svolge un mediato confronto a distanza che incanala le frustrazioni verso l’apertura al dialogo. Una funzione sociale importante che aiuta lo scambio di opinioni ma permette anche lo sfogo di sentimenti che, se trattenuti, potrebbero nuocere all’individuo e alla società. …

Mariagrazia Gazzato, Mirano (Venezia) La Stampa.
 
Note di cultura
La lettera che pubblichiamo è uscita nella rubrica “Lettere al direttore” della Stampa. E’ una rubrica sempre viva e interessante e consigliamo i nostri lettori di seguirla. Il direttore della Stampa è Mario Calabresi (nella foto).
lagno: è voce dotta e rara – si noti infatti che è tra virgolette. Significa lamentela. Il linguaggio e il tono della lettera sono colti e raffinati.